Archives

gratis 4 ever

Share |
Aggregatore notizie RSS
Video Io passo a veg
Aggregati a KikkeMania.com
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



aggregator

V i V i/seZione =errore scientifico

aggregator
Share |

nostalgia?

Terrestri

INtroversi & non

21 Marzo: Primavera, non sempre. Marzo è anche il mese delle Idi, della “fine” dei Templari con la  morte sul rogo del Gran Maestro Jacques de Molay, e del Triplice Disastro di Fukushima. Rimane comunque il mese dell’ equinozio di primavera.

Eppure, le cose non sono mai come sembrano o come si crede siano…

In realtà quelle quasi 20 migliaia di vittime non sono le sole – e non si può contare chi di fatto non riavrà più un’esistenza accettabile a causa della sindrome post traumatica e della depressione che ne deriva, la stessa depressione che silenziosamente, fuori dalle scene,  porta ogni anno, altrettanti giovani giapponesi al suicidio. Esistono perfino gruppi online che si organizzano in tal senso. Il Giappone essendo il paese con il più alto tasso di suicidi al mondo,  2,5 ogni diecimila.

Molti sono Hikikomori, isolatri, adolescenti e diversamente tali, che non ce la fanno più a sostenere quel che resta di una realtà comunque inaccettabile. Degli introversi.

E i Templari, che non furono cancellati come da programma certo anche grazie a comprtamenti “introversi” e di basso profilo.

Cesare e Bruto sono troppo lontani nel tempo per capire cosa ci fosse in realtà sotto le trame di palazzo che sotterranee lo sono già per per definizione. Palinsesti stratificati di trame su trame a Roma, da millenni.

E poi il Gatto, che in tutta innocenza affermiamo di conoscere e di capire. Un libro che rischia di essere inusualmente interessante – è “All Cats Have Asperger Syndrome“- e in genere tutti i libri sui gatti lo sono, interessanti, almeno per gli anglofoni che in questo modo amano acquisire nuova conoscenza e quindi un accresciuto rispetto per i protetti da Bastet, ma anche su, e per se stessi. Gente sicuramente parecchio più introversa. Da noi si dice rimuginare, ma in altre lingue si intende processare, elaborare, scendere in profondità.

In “All Cats Have Asperger Syndrome”: qualsiasi gatto – che l’autrice usa come allegoria per spiegare questo disordine dello sviluppo – sarebbe potenzialmente autistico, un Aspie, e semplificando al massimo, anzi eccedendo nella sintesi, introverso fino alla patologia, senza speranze. E comunque le differenze di tutti i gradi di introversione con gli eterodossi, gli estroversi, sarebbero inaspettatamente grandi.

Intanto un diverso cablaggio del cervello, perché i neuro-transmettitori seguirebbero diversi percorsi del sistema nervoso, dal momento che gli introversi sarebbero ipersensibili alla dopamina, da qui il bisogno di chiudersi,  isolarsi,  riprendersi, mentre gli estroversi non riuscendo  mai ad avere in ciercolo dopamina a sufficienza, avrebbero la necessità di produrre adrenalina affinché la stessa venga riconvertita in dopamina! Nell’estroverso, poi, l’Area di Broca, vedi della contemplazione, l’intelligenza più astratta, viene perloppiù baipassata,

Se queste – teorie forse azzardate – fossero verosimili, le ramificazioni sarebbero impressionanti quanto innumerevoli, altro che Lombrso; peccato che agli estroversi le implicazioni e i nessi in genere interessino ben poco.


Si comprende però come la vera diversità non sarà affatto quella che si credeva tale: diversa religione, diversa classe sociale, diverso orientamento sessuale, diverso colore, diverso genere, diverso livello di cultura, “diversamente abili” etc,  ma un diverso cablaggio e funzionamento neuronale e chimico.

Tutti ormai accettano con simpatia un omossessuale – solo per fare un esempio – quando sia anche estroverso, non è strano che i guai semmai inizino nel caso che sia invece un introverso, etc, etc?

Fare a tutti i costi o contemplare? A fronte intensità o focalizzazione, il bisogno spasmodico di competere, creare invidie e provarle, un esacerbato quanto spesso fuor di luogo istinto di sopravvivenza. Un tipo di intelligenza senz’altro più adatto al mondo così com’è, e considerando quello che il mondo non finisce mai di dimostrare di essere… beh, le possibili deduzioni per una volta sembrano davvero poco oscure.

Senz’altro il cane é un grande estroverso, gregario, conformista, sentimentale. Ma il gatto è proprio come gli introversi, non sai mai “dov’è” oppure “dove sta andando”. Esattamente il principio di indeterminatzione di Heisemberger tanto caro alla fisica quantistica.

Che un gatto sia quindi più un Aspie oppure un Hikikomori (forzato) non si può dire con facilità, senza dubbio rimane un bell’isolatra, un’entità impenetrabile, e per questo motivo degno di essere indagato senza mai stancare, pur sapendo che, per qualche motivo che va oltre ogni intuizione, mai sarà definitivamente svelato. E questo dovrebbe accendere scintille seppur sfuggenti di implicazione. Accendere il segmento cerebrale dove avvengono le implicazioni, rendere meno succubi dell’estroverso mondo esteriore.

A proposito di accensioni laterali della mente, non so se Italo Calvino abbia avuto o amato gatti, (ognuno può fare la sua ricerca) ma ebbe a dire di se stesso: “Introverso e in più di un senso autista...”


1 comment to INtroversi & non

  • scrive:Che l’inferno sia caldo o freddo, e8 atoemgnro dibattuto e degno di una disquisizione lunga almeno il tragitto Torricola-Cisterna di Latina dopo le 18. Ad esempio, per citare un classico, l’Alighieri lo descriveva come un luogo freddo, almeno il nono cerchio (si vedano i Canti dal XXXI al XXXIV dell’Inferno). Non si puf2 tuttavia negare che, sia il Nuovo Testamento (a titolo di esempio: Mt, 25, 41) che il Catechismo della Chiesa Cattolica (IV), si riferiscono talvolta a questo come fuoco eterno . Per togliersi ogni dubbio, bisognerebbe verificare cosa scrivono i display posti sulle porte del Frecciarossa (forse: Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate ?). Questo discorso perche9 non so cosa sia il Carpene8 Malvolti (e la cosa mi fa sentire giovane) e chi fosse Julius Erving (che si e8 ritirato nel 1987, quando io avevo appena 3 anni).

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>