Archives

gratis 4 ever

Share |
Aggregatore notizie RSS
Video Io passo a veg
Aggregati a KikkeMania.com
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



aggregator

V i V i/seZione =errore scientifico

aggregator
Share |

nostalgia?

Terrestri

i Nomi dei Gatti Andati

 

Oggi voglio ricordare/rinominare tutti i “miei” Gatti.

 

BABU, da Barbablù, e poi tanti infiniti nomignoli graziosi e sciocchi solo fra noi. Nero occhi d’oro. Lo sguardo di Hator.

 

 

Tanto tempo fa Domenico, rubato da un giardino vicino a ponte Milvio di domenica,( si era ragazzi scapestrati e il gattino era abbastanza grande, 3 mesi) o meglio Dominik, per la sua grazia suprema, per il fascino splendido di venexiano, compreso il neo su un muso candido di pallore sotto l’immancabile mascherina. Pelo di seta ondulata.

Quanto ho pianto, ma si sa, più estrogeni = più lacrime.

 

Fiordiloto – e dire che “non volevo più gatti”, l’irresistibile. Una essenza di leone, un batuffolo di coraggio, troppo senza paura, finita da un branco di cuccioloni pezzidipane. Quell’urlo è ancora nei meandri più bui delle mie orecchie.

 

Aish(o) principesco e imperioso, inpiegabile a qualsiasi cosa, selvaggio e solitario. Una pecora dal veterinario :) . Così tanto geloso nella sua affettata indifferenza da tentare di squarciare la pancia al nuovo nato nel mio cuore, Babu…

Si è lasciato andare per amarezza e abbandono? Ho capito troppo tardi che provava sentimenti molto forti ma li nascondeva gelido, altezzoso, scostante.

 

E poi i miei ultimi aMici di strada – oh banaltà, “aMici”… ma l’amicizia non è mai banale se come i sentimenti seri consiste in azioni.

Scimcia (anche Principessa Ghibellina) la prediletta perché era la più bisognosa di protezione, il guinness del microtaglia. Bianca e ardesia. Selvatica semidomata. Fatta sterilzzare. In quei giorni almeno ha dormito al calduccio in camera con noi. Chi potrebbe fare del male a una simile creatura? Uccisa da un calcio.

Baffometta, scaltra come poche e senza fiducia nel mondo. Grigio certosino e occhi indagatori arancio. Sparita. Ma sparire è solo un eufemismo.

E Adolphino dal destino tragico, troppi antibiotici. 2 veterinari, uno pessimo e uno ottimo, ma comunque troppi antibiotici.

Come un cagnolino seguiva i passi di molte donne sognando una casa.

Amava sedersi su una panchina con me per poter poggiare timidamente la testa sulle mie gambe. Tuxido.

 

Shuliman il magnifico, fiera timidezza, dal passo solido ma così aggraziato da far pensare perché non esistono umani così?

E l’effimero incompeso Ramirez… E Nuvoletta Singapura, sterilizzata e poi subito sparita. Spero rubata.

 

Ma per fortuna ci sono anche i vivi e vegeti, eccome!

Ma vivono in strada, abbandonati.

Capricci di un attimo, “sindromi di Richelieu” per i loro ex padroni, vigliacchi!

Fasciulin, il trovatello di solo un mese in un Natale nevoso, è bianco e rosso. Ora ha i reumatsmi. L’attuale prediletto, il più bisognoso.

L’ormai vecchino Sabazio Acquacheta, mangione magrissimo sotto tanto pelo, specie di mammo adottivo per carattere.

 

E il fido soriano Gagarin, sempre fedele (alla ciotola). Abbandonato a 1 anno – dopo sterilizzazione. Ma cos’ha nella testa certa gente?

Smeralgdina, occhi verde acqua. La sua vecchia e tanto amorevole padrona è morta alla fine, e lei è diventata una orfana di strada. Grande, doppia sofferenza.

Il Principe di Transilvania era bellissimo, ma la tristezza incolmabile della strada dopo aver conosciuto letti, cuscini e divani e di sicuro resti prelibati, lo sta consumando negli anni. La sua padrona è tornata in Transilvania. Ooops… volevo dire Romania.

Bistris, un esemplare rarissimo, un gatto antipatico, l’unico antipatico che ho conosciuto fra ormai centinaia, avrà le sue buone ragioni, gli voglio bene lo stesso. È fratello di Scimcia.

Ofelia Porcospina dallo sguardo languido. Preferisce la strada seppure abbia una casa, e che casa! Anche lei avrà le sue buone ragioni…

E, last but not least, il Sire di Hermengøørdr, aristocratico e lungo come il suo nome. Un anno circa, forse meno, tanto da non capire se mashio o femmina quando “è arrivato”. O è ermafrodito o non gli sono ancora cresciuti? Salti da circo – solo se gli gira. Preferisce stare appartato, è un superiore lui…

 

 

Scendono vaghe le ombre della sera e per la prima volta dopo tanto, tanto tempo ho come un senso apprensione, paura della notte? Io?

Si dice che amare infonda forza, ma solo essere amati infonde coraggio. Chi potrà mai volermi così tanto bene senza giudizio come il mio Babu?

Dove lo prenderò ora il coraggio?

“Single con gatto/pet” è un ridicolo ossimoro.

Single è soltanto chi è solo, non ero single, ora sì.

In un’altra colonia c’è Bastuzia Seconda, tutta nera, occhi d’oro, bella coda, boccuccia di fragola, piena di energia come il mio Babu da ragazzino.

E il cerchio sembra chiudersi, ma in realtà non si chiude mai, è una spirale ascendente che sale fino al Paradiso dei Piccoli Felini. Fra i pochi che lo meritano davvero in fondo, il paradiso, assieme a chiunque altro così puro e innocente.

 

Scriveva Anna Maria Ortese che “chi non ha mai guardato negli occhi di un figlio o di una figlia della Natura, non ha mai visto nulla di materno, di divino - per significare benevolenza, pace – per quanti possano essere gli altari a cui si sarà inginocchiato”

 

 

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>