Archives

gratis 4 ever

Share |
Aggregatore notizie RSS
Video Io passo a veg
Aggregati a KikkeMania.com
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



aggregator

V i V i/seZione =errore scientifico

aggregator
Share |

nostalgia?

Terrestri

_V_E_R_G_O_G_N_A_!!

smiley_250X0_90
radiogrfia
MORTARA (PV): UNA SCARICA DI PALLINI PER UCCIDERE SMILEY
Un gatto affettuoso Un gatto fiducioso Un gatto che ti baciava Un gatto che si avvicinava agli estranei per farsi accarezzare Un gatto che parlava Un gatto che purtroppo non ha avuto paura ..una meravigliosa creatura…Smiley.
Un gatto che è rimasto invece di scappare perchè pensava di ricevere una carezza
Di questa meravigliosa creatura questo è quello che è rimasto
Centinaia di pallini sparati da un massimo di 3 metri sul ciglio di una stradina a 50 metri da casa una fucilata intenzionale, volutamente letale, cattiva.
Esplosa da un cacciatore bergamasco a bordo di una Focus grigio metallizzata Senza motivo Solo per uccidere Una creatura che lo guardava fiducioso aspettando una carezza. Ha ricevuto la morte.
SE NERO NO, NEANCHE BIANCO VA BENE??
Nero no, neanche bianco?
A quanto pare la brutta abitudine di sparare ai gatti è una cosa che ultimamente ha preso un po’ troppo piede.
A Santa Giustina in Colle, in provincia di Padova, F.P., un uomo di 62 anni, infastidito dal fatto che una gatto si era avvicinato alla gabbia dei suoi conigli, anziché smarrirlo in altro modo, ha imbracciato il suo fucile, un Flobert calibro 9, ed ha cercato di colpire il gatto che però è prontamente riuscito a fuggire balzando al di là della recinzione.
I proiettili però sono rimbalzati al di là della strada dove lavorava l’operaio D.G., 36 anni colpendolo alla testa e provocandogli un trauma e una ferita lacerocontusa.
C’è davvero ancora chi crede che chi è capace di sparare con tanta facilità ad un gatto o un cane, non lo faccia con altrettanta facilità anche nei confronti di un suo simile???
PERCHE’ NON STIAMO COMBATTIAMO CONTRO QUALCOSA FATTO DI CARNE E DI SANGUE…
ragazzo-coltello_250X0_90
“Un ragazzino dopo essersi divertito a torturare un gatto, come ormai troppo spesso accade, lo ha anche ucciso senza alcun rimorso… Ma questa volta i suoi padroni non si sono solamente accontentati di sporgere denuncia. Si sono recati a casa del giovane per chiedere spiegazioni. Si sono subito visti schierati contro i parenti che lo difendevano a spada tratta dicendo che non lo si poteva accusare a quel modo essendo “piccolo”… l padrone del gatto è stato ricoverato all’ospedale dopo avere ricevuto diverse percosse e una coltellata…”
La prima reazione a notizie di questo genere sarebbe  quello che sanamente – ma non santamente - ogni umano di buona volontà ma ancora ingenuo potrebbe avere. Ma ricordiamoci che stiamo combattendo contro qualcosa che non è fatto di carne e sangue (o soltanto, se parliamo del “bambino” e i suoi parenti. Se poi parliamo da chi li abita e governa… allora per cominciare un buon esorcismo sarebbe cosa buona e giusta, o sbaglio?)